Zakynthos, l’isola delle tartarughe

Buongiorno! Ho deciso di creare una nuova categoria intitolata “Sapori dal mondo” perché voglio condividere con voi le mie esperienze culinarie in giro per il mondo.

Mi piace viaggiare e quando posso non ci penso due volte a fare le valige e partire!Un’altra cosa che amo fare quando visito una città é provare e fotografare i piatti locali.. Non c’é cosa migliore quando si é in un posto in vacanza, che assaggiare le specialità locali, mangiare come mangiano gli abitanti del paese..

Inutile chiedere pietanze italiane, perché per quanto possano magari andarci vicino,non saranno mai come quelle che mangi nel tuo paese!E poi trovo che non solo i monumenti storici, ma anche la cucina locale ha importanza per conoscere le tradizioni di un paese.

Detto questo, vorrei parlarvi di un’isola meravigliosa quale é Zakynthos.

Da noi, come nel resto del mondo é conosciuta come Zante. Nel 1700 divenne possesso della Repubblica di Venezia, infatti proprio qui vi nacque il famoso poeta e scrittore italiano Ugo Foscolo, che dedicó all’isola la bellissima poesia “A Zacinto”. La città di Zacinto ha dedicato al nostro poeta una via che porta proprio il suo nome.

IMG_5648

E’ un’isola ancora incontaminata, in quanto é poco conosciuta dai turisti, negli ultimi anni si sta popolando di inglesi, russi, olandesi e anche di italiani,in misura minore, ma in continuo aumento.

Io l’ho scoperta quasi per caso navigando in internet e quando ho visto le foto su google, ho deciso che sarebbe stato il mio regalo di laurea! Così sono andata sul sito di Expedia e trovando un’offerta comprendente volo, sistemazione in hotel con prima colazione, ho prenotato subito per me e il mio fidanzato!

Se anche voi deciderete di andare a Zante vi consiglio la formula B&B, in quanto in Grecia pranzare e cenare costa molto poco, una media di 15€ al giorno, inoltre sappiate che si mangia molto bene se ordinate i piatti locali.

E’ un’isola adatta sia per famiglie, che coppiette.. Se siete un gruppo di amici potete comunque andare: a Laganas, a sud dell’isola ci sono numerosi divertimenti per giovani come discoteche e pub un po’ alla londinese in quanto i primi turisti sono stati gli inglesi.. L’unica cosa é che a Laganas l’età media é 15/20 anni.. Noi ci siamo stati solo una sera, personalmente non mi ha fatto impazzire, ci sono posti molto ma molto più belli da visitare sull’isola.

Un’altra cosa che vi consiglio é noleggiare un’auto,magari già dall’Italia, sempre su Expedia. Noi l’abbiamo noleggiata direttamente sul posto ma i prezzi non cambiano, sono gli stessi, circa 40€ al giorno.

PRIMO GIORNO

Atterrati all’aeroporto di Zakynthos, ci siamo fatti portare in taxi all’hotel in zona Agios Sostis a sud dell’isola. L’hotel era il Turtle Beach, chiamato così perché si trova in una zona di riserva naturale, dove si possono incontrare le tartarughe marine “Careta Careta” che nel periodo che va da maggio a luglio, periodo in cui siamo partiti noi, depongono le uova in spiaggia.

Arrivati all’hotel ci hanno accolti gli addetti alla reception, molto carini e disponibili.

Dato che siamo arrivati in tardo pomeriggio, abbiamo fatto un giro perlustrativo della zona a piedi e ci siamo fermati in un bar a ridosso del mare con a fianco il ristorante per un’aperitivo. Poi abbiamo prenotato un’escursione in catamarano per il pomeriggio del giorno successivo comprendente la visita alle grotte di Keri, la vista delle tartarughe e la visita alla magnifica isola di Marathonisi, tutto a sud dell’isola, dove ci trovavamo noi. La sera ci siamo fermati al ristorante “Maestro” che vi consiglio vivamente se capitate ad Agios Sostis, abbiamo ordinato una grigliata mista di carne per due, acqua e vino.. Ci é arrivato un piatto esagerato di carne di tutti i tipi, con contorno di riso, verdure, insalata, tutto delizioso!! Quando ho visto il conto non ci credevo che la cena fosse costata così poco.

Grigliata per due

Grigliata per due

SECONDO GIORNO

Il giorno seguente dopo colazione, siamo andati a visitare il famoso pontile di Laganas che porta ad un’enorme roccia a picco sul mare che la sera si trasforma in discoteca.

Il nostro pranzo é stata un’insalata greca, non si può andare in Grecia e non provarla! Si compone di : pomodori,peperoni verdi,cipolla rossa,olive e feta, il famoso formaggio greco che potete trovare in tutti i supermercati italiani!

Insalata greca

Insalata greca

Nel pomeriggio é stato il momento della nostra escursione che vi consiglio di fare perché é stata un’esperienza davvero emozionante vedere le tartarughe a un palmo dal proprio naso! Inoltre non potete perdervi le bellissime grotte di Keri e l’isola di Marathonisi!

La sera replica all’hotel Maestro, ma menù differente: io ho preso il Muskari Kokinnisto, un piatto unico a base spezzatino di bovino al sugo, riso e patate fritte, il mio fidanzato invece ha preso un arrosto di maiale marinato con succo di limone e Kurry con patate al forno.

Muskari Kokinnisto e arrosto di maiale

Muskari Kokinnisto

IMG_5635

Arrosto di maiale

TERZO GIORNO

A bordo della nostra Opel Corsa grigio metallizzato ci siamo diretti alla spiaggia di Banana Beach, sempre a sud dell’isola ma sulla costa orientale, costituita da spiagge di sabbia fine. Banana é una spiaggia bellissima, attrezzata con ombrelloni e lettini, acqua cristallina e un ristorante che si affaccia sul mare. Inoltre, se non volete pranzare al ristorante, potete ordinare qualcosa direttamente ai camerieri che ci sono in spiaggia!! Per pranzo abbiamo optato per il ristorante per vedere com’era e abbiamo ordinato una Cesar Salad, mentre nel pomeriggio mi sono fatta portare in spiaggia yogurt greco and honey.

Verso le 16.30 siamo partiti alla volta di Zacinto città. La vista é bellissima in quanto la città sorge sul porto e quindi si vedono molte navi e yacht partire e attraccare. E’ da qui che partono i battelli per le escursioni alla Spiaggia del Relitto e alle Grotte Blu a nord dell’isola. Lungo il porto ci sono numerosi ristorantini carini, mentre il centro della città é più interno costituito dal Museo di Solomos, fondatore della città e vari negozi e bar. Molto molto carina.

La sera abbiamo deciso di passare del tempo a Laganas e cenare al ristorante Panos a base di pesce e “Pita”. La Pita assomiglia molto ad una piada emiliana , di pasta spessa, farcita con Kebab, cipolla rossa, pomodori,patate fritte…una delizia…diciamo che quando si addenta una Pita non bisogna pensare alle calorie!

IMG_5652

Pita

QUARTO GIORNO

Il mattino seguente, dopo colazione, ci siamo diretti a nord-est dell’isola, meta la spiaggia di Makrys Gialos a circa un’ora da Agios Sostis. Appena arrivati abbiamo avuto la fortuna di trovare un ombrellone, l’ultimo rimasto!! Se Makrys Gialos é una delle vostre mete, vi consiglio di partire molto presto perché rischiate di rimanere senza ombrellone. La spiaggia non é molto lunga ed é costituita da sassi. Quello che mi ha colpito molto é l’acqua cristallina, si può vedere il fondo anche quando l’acqua diventa profonda. A differenza di Banana Beach, essendo costituito da sassi, il mare é profondo dopo pochi metri.

A cena la tappa non poteva che essere Maestro, il nostro ristorante preferito di Agios Sostis. Io ho ordinato un pollo alla griglia con riso e insalata di pomodori, tipico greco, ora non ricordo il nome del piatto, mentre Norman il mio piatto preferito, Muskari Kokinnisto.

QUINTO GIORNO

Abbiamo passato la mattina ad Agios Sostis in spiaggia e nel pomeriggio é stato il momento della tanto attesa escursione al Navagio, meglio conosciuta come Spaggia del Relitto e alle Grotte Blu. Che dire, é stata un’esperienza indimenticabile,ricordo ancora come fosse adesso l’emozione che ho provato nel vedere la spiaggia Navagio mentre ci avvicinavamo col battello.. Indescrivibile! L’acqua era blu come non l’avevo mai vista, la spiaggia bianca.. Se andate a Zante non dovete assolutamente perdervela. É stato appurato che é la spiaggia più bella e fotografata della Grecia. Anche le Grotte Blu sono stupende , chiamate così perché l’acqua sottostante é blu scuro.. Un tuffo é d’obbligo!!

Cena al ristorante “Taverna” ad Agios Sostis a base di “Mussaka”, piatto tipico greco, il più famoso nel mondo. E’ un incrocio tra la nostra parmigiana e la lasagna, infatti si tratta di melanzane fritte, disposte a strati con sugo, ragù e besciamella. Norman arrosticini di maiale tipici.

DSCN3675

Mussaka

DSCN3674

Arrosticini di maiale

SESTO E SETTIMO GIORNO

Il sesto giorno siamo tornati di nuovo a Banana Beach perché ci era piaciuta molto, mentre l’ultimo giorno ci siamo diretti nella costa occidentale costituita da rocce che cadono a picco sul mare e da fiordi come Limnionas dove ci siamo fermati. Pensate che ho dovuto convincere il mio fidanzato per venire da questa parte dell’isola, perché non era convinto dal fatto che sul volantino avevamo letto che non tutte le spiagge qui sono attrezzate e spesso si é costretti a stendere il telo mare sulle rocce. Alla fine si é convinto e arrivati lì mi ha confessato che secondo lui era la parte più bella dell’isola. In effetti Limnionas é un paradiso. La strada per arrivare fino a qui è impervia, pericolosa e stretta, ma ne vale la pena farla. Comunque alla fine l’ombrellone c’era , con vista mozza fiato sul mare a soli 4€ per tutta la giornata!!

A pranzo non dovevamo nemmeno sforzaci troppo, il ristorante si trovava a tre gradoni sopra di noi, con vista mare. Abbiamo ordinato la salsiccia locale e l’insalata di Limnionas, costituita da patate, olive, insalata verde, peperoni, cipolla rossa, zucchine e pomodori.

DSCN3761

Salsiccia locale

DSCN3762

Insalata Limnionas

L’ultima sera era d’obbligo fermarci da Maestro e io non potevo che terminare la mia esperienza con Muskari Kokinnisto!

Spero di esservi stata utile e di avervi dato un’idea della cucina di Zante. É strano lo so, ma i piatti tipici di Zante sono tutti a base di carne nonostante sia un’isola e ci si aspetti di mangiare pesce.

A presto..Daniela.

Annunci

4 thoughts on “Zakynthos, l’isola delle tartarughe

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...